*** Sabato 11 Gennaio 2020 nella Sala ex AIAS Biblioteca Comunale di Via Aspromonte,5 si terrà con inizio alle ore 17,30 una conversazione con il Dott. Franco Valenti sul tema: “….A 327 anni dal terremoto del 1693” ***
Home Articoli Conferenze Lisistrata
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Share

L’Archeoclub al Teatro Greco di Siracusa.

Lisistrata, di Aristofane

Domenica, 30 Giugno, terzo ed ultimo appuntamento , per il solito gruppo di soci dell’Archeoclub e qualche graditissimo ospite che, aderendo all’iniziativa promossa dal Presidente, prof. Pippo Cosentino e dal suo Comitato Direttivo, hanno raggiunto nel tardo pomeriggio il Teatro Greco di Siracusa, per assistere all’ultima delle rappresentazioni classiche organizzate dall’Inda, e quest’anno dedicate al tema delle “ Donne e la guerra “.

Dopo le figure tragiche delle “ Troiane” e dell’ “ Elena”, l’epilogo della trilogia è stato affidato alla “ Lisistrata” di Aristofane, una commedia che , come le due tragedie precedenti, affronta il tema della guerra, ma, ovviamente, con i toni leggeri e giocosi propri di questa forma di spettacolo.
Lisistrata, interpretata da una magnifica Elisabetta Pozzi, è un’eroina che, stanca della forzata lontananza degli uomini, eternamente impegnati in guerra, convoca le donne greche in una grande Assemblea, alla quale partecipano le rappresentanti delle principali città : Sparta, nonché le città della Beozia, e della Corinzia.

Con un trascinante discorso da vera e propria “ sollevapopolo “, Lisistrata riesce a convincere le altre donne ad aderire alla sua proposta: lo sciopero del sesso, per convincere i compagni, sempre impegnati a combattere e costretti quindi a trascurare le proprie donne e le proprie famiglie, a cessare dalle azioni di guerra.

Ma, per rendere ancora più efficace e convincente la loro iniziativa, le donne decidono di rinchiudersi nell’Acropoli, anche per privare gli uomini dei mezzi finanziari necessari a proseguire le azioni di guerra.

Inizia così una serie di schermaglie, tra il coro degli anziani ( che cercano, senza successo, di dare fuoco all’Acropoli) e quello delle vecchie ateniesi, e poi del Magistrato che dovrebbe convincere le donne a desistere dal loro progetto , ma fallisce miseramente......

Dopo un breve cameo di Massimo Lopez, improbabile drag queen baffuta, che avvolta in un luccicante tubino, intona una travolgente “ My way”, e dopo che Lisistrata si trova a dover fronteggiare i tentativi di diserzione di parecchie donne, provate dalla lontananza dei propri uomini, irrompe sulla scena Cinesia ( un divertente Tullio Solenghi, anche regista dello spettacolo ) marito disperato, oltremodo prostrato dalla forzata astinenza.... Lisistrata suggerisce alla moglie, Mirrina, di incontrare l’uomo, per rinfocolare ancora di più il suo desiderio.... e così avviene, e il povero uomo, che non riesce a concretizzare i suoi assalti amorosi, si ritrova ancor più frustrato....
Ma, dall’intera Grecia, giungono notizie del profondo disagio di tutto l’universo maschile, messo alla prova da questa interminabile astinenza, che logora corpi e menti...

L’astuzia femminile ha vinto: dopo il favorevole responso di un curioso oracolo, e l’arrivo di un araldo che preannuncia l’intenzione degli spartani di accettare la pace, giungono gli ambasciatori di Sparta, pronti a sottoscrivere la cessazione delle ostilità .

Lisistrata e le donne celebrano con sfrenate danze la loro vittoria e il ricongiungimento delle famiglie, dopo le violenze e l’insensatezza della guerra: e in un magnifico discorso finale, Lisistrata, antesignana pacifista, torna a stigmatizzare la guerra e le sue tristi conseguenze.
Uno spettacolo particolare, questa Lisistrata firmata Solenghi:   alcune scelte sicuramente originali (e forse un po’ spiazzanti...): dialoghi in diversi dialetti ( siciliano, napoletano, toscano), a rappresentare, forse, la multietnia delle donne coinvolte nell’iniziativa di Lisistrata; scenografia essenziale ( un’Acropoli che si apre e richiude per accogliere le donne ribelli); costumi colorati e allegri, a sottolineare la giocosità delle scene....

Nota forse un po’ stonata, l’eccessivo ricorso ad un linguaggio a tratti sboccato, e ad una licenziosità in certi casi eccessiva e fuori luogo.....

Ma il pubblico si è divertito, e anche tanto....

L’appuntamento è per il prossimo anno, per tornare a godere della ricchezza delle rappresentazioni classiche,in una scenografia unica come quella del Teatro Greco di Siracusa.

 

 
Login
Area Riservata ai Soci



Hai dimenticato:
Cambia lingua
 Lingua:
Italiano  Deutsch    English  Francais  Espanol  
Gennaio 2020

Sabato 11

Ore 17,30 nella Sala ex AIAS Biblioteca Comunale di Via Aspromonte,5 si terrà una conversazione con il Dott. Franco Valenti sul tema:

“….A 327 anni dal terremoto del 1693”


Sabato 11

Ore 17,30 nella Sala ex AIAS Biblioteca Comunale di Via Aspromonte,5 si terrà una conversazione con il Dott. Franco Valenti sul tema:

“….A 327 anni dal terremoto del 1693”


Sabato 11

Ore 17,30 nella Sala ex AIAS Biblioteca Comunale di Via Aspromonte,5 si terrà una conversazione con il Dott. Franco Valenti sul tema:

“….A 327 anni dal terremoto del 1693”


Sabato 11

Ore 17,30 nella Sala ex AIAS Biblioteca Comunale di Via Aspromonte,5 si terrà una conversazione con il Dott. Franco Valenti sul tema:

“….A 327 anni dal terremoto del 1693”


Sabato 11

Ore 17,30 nella Sala ex AIAS Biblioteca Comunale di Via Aspromonte,5 si terrà una conversazione con il Dott. Franco Valenti sul tema:

“….A 327 anni dal terremoto del 1693”


Sabato 11

Ore 17,30 nella Sala ex AIAS Biblioteca Comunale di Via Aspromonte,5 si terrà una conversazione con il Dott. Franco Valenti sul tema:

“….A 327 anni dal terremoto del 1693”


Sabato 11

Ore 17,30 nella Sala ex AIAS Biblioteca Comunale di Via Aspromonte,5 si terrà una conversazione con il Dott. Franco Valenti sul tema:

“….A 327 anni dal terremoto del 1693”


Sabato 11

Ore 17,30 nella Sala ex AIAS Biblioteca Comunale di Via Aspromonte,5 si terrà una conversazione con il Dott. Franco Valenti sul tema:

“….A 327 anni dal terremoto del 1693”


Sabato 11

Ore 17,30 nella Sala ex AIAS Biblioteca Comunale di Via Aspromonte,5 si terrà una conversazione con il Dott. Franco Valenti sul tema:

“….A 327 anni dal terremoto del 1693”


Sabato 11

Ore 17,30 nella Sala ex AIAS Biblioteca Comunale di Via Aspromonte,5 si terrà una conversazione con il Dott. Franco Valenti sul tema:

“….A 327 anni dal terremoto del 1693”


Sabato 11

Ore 17,30 nella Sala ex AIAS Biblioteca Comunale di Via Aspromonte,5 si terrà una conversazione con il Dott. Franco Valenti sul tema:

“….A 327 anni dal terremoto del 1693”


Sabato 11

Ore 17,30 nella Sala ex AIAS Biblioteca Comunale di Via Aspromonte,5 si terrà una conversazione con il Dott. Franco Valenti sul tema:

“….A 327 anni dal terremoto del 1693”


Sabato 11

Ore 17,30 nella Sala ex AIAS Biblioteca Comunale di Via Aspromonte,5 si terrà una conversazione con il Dott. Franco Valenti sul tema:

“….A 327 anni dal terremoto del 1693”


Sabato 11

Ore 17,30 nella Sala ex AIAS Biblioteca Comunale di Via Aspromonte,5 si terrà una conversazione con il Dott. Franco Valenti sul tema:

“….A 327 anni dal terremoto del 1693”


Sabato 11

Ore 17,30 nella Sala ex AIAS Biblioteca Comunale di Via Aspromonte,5 si terrà una conversazione con il Dott. Franco Valenti sul tema:

“….A 327 anni dal terremoto del 1693”


Sabato 11

Ore 17,30 nella Sala ex AIAS Biblioteca Comunale di Via Aspromonte,5 si terrà una conversazione con il Dott. Franco Valenti sul tema:

“….A 327 anni dal terremoto del 1693”


Associazione
Calendario
«—  gennaio 2020  —»
lmmgvsd
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031 
Statistiche
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter

Oggi151
Ieri2859
Settimana7523
Mese51826
Totale2594005
Meteo Lentini